Il supermercato del futuro..

🔴 Chiude per bassa redditività il supermercato del futuro 🔴
Cari amici, non vi diamo questa notizia per gioire di una sconfitta, piuttosto per fare una riflessione su questa tipologia di distribuzione.

⬇

Inaugurato a Milano 6 anni fa, questo supermercato Coop Lombardia doveva essere il futuro della grande distribuzione, una scommessa tutta tecnologica e un esempio da imitare. Totem e grandi schermi rispondevano ad ogni esigenza della clientela.Noi di Officina Solidale puntiamo ad un altro tipo di distribuzione: il negozio è anche un momento di scambio e condivisione e non solo metri e metri di scaffali.Trovate tutto l’articolo qui:

⬇

http://www.salviamoilpaesaggio.it/…/dopo-soli-cinque…/

Sotto la neve, pane

La guerra tra Russia e Ucraina, tra i troppi danni e tutto il dolore che sta causando, rischia anche di sconvolgere il mercato mondiale di questo prezioso cereale, che da solo fornisce il 20% delle calorie consumate dagli esseri umani.Pensiamoci un attimo: pasta e pane, che sono sulle nostre tavole tutti i giorni, risentono di tutti i problemi che il mondo sta affrontando.
Emergenza climatica, pandemia, guerra, crisi energetica, speculazioni finanziarie influenzano pesantemente raccolti e prezzi del grano
L’articolo per intero:

⬇

https://ilmanifesto.it/geopolitica-del-chicco-di-grano…/

Incertezza del futuro..

La possibilità di un conflitto in Ucraina desta molte preoccupazioni, non ultime quelle che riguardano l’eventuale blocco delle esportazioni non solo di gas ma anche di mais per l’alimentazione animale e di grano tenero per la produzione del pane.

In questo scenario l’Italia sarebbe fortemente danneggiata, visto che la miopia degli imprenditori agricoli e la totale assenza di una programmazione politica / industriale da parte dei governi degli ultimi decenni hanno fatto sì che siano persi quasi mezzo milione di ettari coltivati.

Una mancata opportunità, nonostante i contratti di filiera sostenuti dalla Coldiretti

Questo è il link per approfondire la notizia⬇️

https://www.rainews.it/…/ucraina-coldiretti-volano-i…

La terra mi tiene..

“Se il cibo è qualcosa di molto più complesso del semplice carburante di cui abbiamo stretta necessità per vivere, forse dovremmo prestare maggiore attenzione alla sua provenienza e «ridare dignità a chi lo produce e a chi lo raccoglie». “

Se ci seguite saprete che questa è una filosofia che #OfficinaSolidaleSiena sposa integralmente: e allora condividiamo con piacere questo articolo che parla del documentario “LA TERRA MI TIENE” di Sara Manisera, giornalista, che idealmente segue un chicco di grano dalla semina alla nostra tavola. Si parla anche di biodiversità, di costi nascosti che pagano i lavoratori e l’ambiente, di partenze e ritorni nelle valli del Cilento.

🔴 Leggetelo è molto interessante ⬇

https://www.glistatigenerali.com/…/la-terra-mi-tiene…/

Prove di post-crescita

“Se resta inalterato il modello di crescita i processi economici che utilizzano la biodiversità (“bioeconomia”), pur tendendo alla “circolarità”, continueranno ad aumentare i loro impatti negativi. Come nel caso del recupero e riciclo alimentari che possono essere utili, ma non sono sistemicamente efficaci se si basano sulla continua sovrapproduzione e sovraofferta di eccedenze per svilupparsi, accelerando così il medesimo paradigma economico.”

🔴 L’articolo è di qualche mese fa, ma purtroppo sempre attuale 🔴

I modelli economici che hanno come unico obiettivo la crescita si scontrano con l’urgente bisogno di ripensare tutto il modello di produzione agricola e allevamenti intensivi. Ormai risulta chiaro che non possiamo avere una crescita senza fine in un pianeta con risorse limitate, ma il percorso è lungo e siamo già in ritardo. Occorre replicare, difendere e diffondere le esperienze virtuose come i Gruppi di Acquisto Solidale e le CSA (comunità che supportano l’agricoltura), e “preservare le varie comunità che vivono in modo semplice e armonioso con l’ambiente naturale e lasciarvisi ispirare.”

Noi di #OfficinaSolidaleSiena ci riconosciamo perfettamente in questo sentire, e voi ?https://www.scienzainrete.it/…/giulio-vulcano/2021-11-30