Ancora una serata in nostra compagnia

Ancora una bella collaborazione con la Corte dei Miracoli, venerdì 15 luglio.
Prepareremo per voi un aperitivo con i prodotti delle aziende agricole che supportiamo, e saremo presenti alla serata con del materiale informativo per far conoscere Officina Solidale e rispondere ad ogni curiosità.
Ulteriori dettagli seguiranno sulle nostre pagine social e su quelle della Corte, seguiteci !

Le aree verdi ci proteggono!

L’emergenza Covid ha fatto passare forse in secondo piano tutta una serie di malattie, spesso croniche, spesso neurodegenerative, dove l’inquinamento ambientale e acustico giocano un ruolo importante tra i fattori di rischio:

….L’ambiente naturale, anche quello nelle aree urbane, ha effetti positivi dimostrati sulle malattie non trasmissibili che possono essere riassunti in tre principali azioni: riduzione del danno attraverso riduzione dell’inquinamento atmosferico, acustico e miglioramento del microclima; riduzione dello stress; miglioramento dell’attività fisica e della coesione sociale…..

Vogliamo condividere questo articolo con voi, che ribadisce, attraverso i risultati di studi e ricerche, l’importanza di vivere in un ambiente e in un territorio sano.

Attacco al biologico

A poco più di due mesi dall’approvazione in Italia della legge sul biologico (ne parliamo anche qui), e con una domanda sempre crescente di prodotti sostenibili, le dichiarazione del Ceo di SYNGENTA, colosso cinese specializzato nella produzione di sementi e prodotti fitosanitari, sembrano un vero e proprio attacco al biologico:

Le rese dell’agricoltura biologica possono essere inferiori fino al 50% a seconda del prodotto, la conseguenza indiretta è che le persone muoiono di fame in Africa, perché stiamo mangiando sempre più prodotti biologici

Queste parole ci sembrano molto gravi, in considerazione del fatto che la Syngenta è leader nella produzione di semi OGM e pesticidi; anche usare lo spauracchio della carestia e di una crisi alimentare mondiale dovuta alla guerra in Ucraina ci pare una strumentalizzazione tesa a ridurre la sicurezza e la qualità degli alimenti, in un contesto, quello italiano, dove ci sono oltre due milioni di ettari coltivati nel biologico.
Questa notizia è stata riportata da molte testate, questa ci sembrava la più completa.

Festival SCAMBI RURALI

Sarà presentato domani, mercoledì 18 Maggio presso l’Accademia dei Fisiocritici a Siena. L’appuntamento sarà a partire dalle 9.30 fino al primo pomeriggio, sarà una giornata ricca di interventi ed è prevista anche una visita gratuita all’Orto Botanico.
Ma che cos’è SCAMBI RURALI ? Nasce da un progetto dell’associazione CURA LA COLTURA, associazione di cui facciamo parte anche noi di Officina Solidale e che vede tra i soci fondatori MondoMangione e 8 aziende agricole toscane. Questa associazione vuole diffondere e sostenere una agricoltura che difenda il territorio e la biodiversità, con l’intento di rispondere ad alcune questioni fondanti:

Cosa unisce il cibo alla terra se non le mani di chi coltiva e di chi alleva ?

Come può l’agricoltura essere rigenerativa per il terreno e il territorio ? 

Perché prendersi cura di semi, piante, suolo, animali significa anche coltivare relazioni umane ?


Il festival si compone di una serie di giornate che avranno luogo da maggio a Novembre 2022 con l’intento di conoscere le realtà agricole custodi del territorio toscano: ci saranno escursioni, visite guidate nelle aziende, conferenze, letture e degustazioni.
Nella locandina trovate le date previste; per ulteriori aggiornamenti seguiteci sulle nostre pagine social e anche all’indirizzo www.mondomangione.it/scambi-rurali

Sotto la neve, pane

La guerra tra Russia e Ucraina, tra i troppi danni e tutto il dolore che sta causando, rischia anche di sconvolgere il mercato mondiale di questo prezioso cereale, che da solo fornisce il 20% delle calorie consumate dagli esseri umani.Pensiamoci un attimo: pasta e pane, che sono sulle nostre tavole tutti i giorni, risentono di tutti i problemi che il mondo sta affrontando.
Emergenza climatica, pandemia, guerra, crisi energetica, speculazioni finanziarie influenzano pesantemente raccolti e prezzi del grano
L’articolo per intero:

⬇

https://ilmanifesto.it/geopolitica-del-chicco-di-grano…/