La Sovranità alimentare, facciamo chiarezza

Con il nuovo governo, alcuni ministeri hanno cambiato denominazione.
Tra tutti, spicca il ministero dell’Agricoltura e della Sovranità alimentare, nuovo appellativo per il ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali.
Che si sia voluto fare una operazione di restyling, o di imitazione dell’analogo “ministère de l’Agricolture et de la Souveranité alimentaire” ?
Non possiamo dirlo.
Così come non sappiamo se si è voluto usare una dizione che racchiude dentro di sé concetti ben precisi ma che, usata “come slogan”, può venire interpretata in maniera totalmente differente.
In questi giorni, la “sovranità” di questo ministero è stata commentata e associata al concetto di sovranismo politico, peculiarità delle forze politiche oggi al governo.
Invece, la sovranità alimentare descrive un metodo di gestione delle risorse alimentari basato sulla sostenibilità e sulla giustizia sociale: e non è un concetto nuovo, anzi!
Il concetto di sovranità alimentare risale alla fine degli anni ’90 e teorizza una organizzazione delle risorse che non abbia come fine ultimo la massimizzazione dei profitti bensì la soddisfazione delle esigenze alimentari delle persone.
Si enfatizza anche la valorizzazione dei rapporti sul territorio e l’attenzione alle piccole realtà produttive.

SOVRANITÀ ALIMENTARE non è sinonimo di autarchia: è il diritto dei popoli a determinare le proprie politiche alimentari senza costrizioni esterne legate a interessi privati e specifici. È un concetto più ampio e complesso che sancisce l’importanza della connessione tra territori, comunità e cibo e pone la questione dell’utilizzo delle risorse in un’ottica di bene comune in antitesi a un consumo scellerato per il profitto di alcuni.”

da Il Manifesto, 23 ottobre 2022

E’ quindi un modello di pensiero totalmente differente dalla politica agro-industriale degli ultimi tempi, che pure sta mostrando tutti i suoi limiti.
E’ impressione di molti, e timore anche nostro, che con questo “cambio di nome” del ministero dell’agricoltura, si cerchi di svuotare di significato la definizione “sovranità alimentare”.
Si cercherà di far passare l’idea di dover concentrare (e aumentare) la produzione a livello nazionale anche a discapito di sistemi di produzione ecosostenibili, in nome appunto di una revisionata sovranità (alimentare) ?
Oppure, stando alle prime dichiarazioni del neo-ministro Lollobrigida e del Presidente della Coldiretti, la dizione esprime correttamente l’impegno per valorizzare la biodiversità del nostro territorio e garantire prodotti alimentari nazionali di alta qualità ?

I giochi sono appena iniziati, come associazione e cittadini cercheremo di tenere alta l’attenzione su questi temi.

Festival della Terra 2022

Ritorna a San Gimignano il FESTIVAL DELLA TERRA, settima edizione, dal 29 al 31 ottobre 2022.
Il Biodistretto di San Gimignano propone 3 giorni densi di appuntamenti, con convegni, incontri con i produttori, degustazioni di vino, show cooking, musica dal vivo e spettacoli per i più piccoli.
Il “Grande Mercato della Biodiversità” sarà presente in tutte le giornate nelle piazze centrali di San Gimignano, e sarà un’occasione speciale per incontrare i contadini e gli artigiani del territorio.
Che dire, il programma è ricchissimo, il Biodistretto di San Gimignano e tutte le aziende ad esso aderenti fanno un gran lavoro per valorizzare il territorio e promuovere un’agricoltura rispettosa dell’ambiente, e per questo motivo ci seguiamo e sosteniamo reciprocamente. Se poi leggete i partecipanti ai vari seminari, vedrete tanti nomi “conosciuti” che collaborano da anni con Officina Solidale e MondoMangione.

Ci vediamo a San Gimignano !


Merenda per il quartiere, grazie !

Un ringraziamento a tutte le persone che sono intervenute ieri pomeriggio aiutandoci a pulire ed abbellire gli spazi adiacenti al negozio, a quelle che sono passate per un saluto, a tutti quelli che ne hanno approfittato per conoscerci e fare un giro nella nuova bottega.
Un grazie anche all’organizzazione di MondoMangione che come al solito si è rivelata un successo!
Di seguito una carrellata di foto, a testimonianza del bel pomeriggio trascorso.
Vi ricordiamo che troverete MondoMangione e Officina Solidale nel complesso in via B. Tolomei 7, a Siena.

Merenda per il quartiere

Ci siamo quasi, la nuova bottega di MondoMangione sta prendendo forma, grazie anche allo straordinario lavoro di soci e simpatizzanti che ci stanno aiutando con le fasi di trasloco e allestimento.
Se passate da via B. Tolomei 7 in questi giorni vedrete un gran daffare, potrete anche sbirciare i lavori dalle grandi vetrate. Per la nostra sede invece, collocata al piano superiore degli stessi locali, ci sarà ancora da aspettare qualche settimana ma siamo molto fiduciosi e si sente già parlare di Festa di Inaugurazione … seguiteci su queste pagine per rimanere aggiornati!
Ma dicevamo, intanto facciamo una bella MERENDA PER IL QUARTIERE!
L’idea è questa: puliamo tutti insieme il piazzale e abbelliamo le fioriere e gli spazi comuni, ci divertiremo e nel frattempo MondoMangione ci prepara la merenda.
Ci troviamo tutti là, muniti di scopa, palette e accessori per il giardinaggio, domenica 16 ottobre alle 15.



Mentre i lavori procedono…

Mentre i lavori per la nuova sede di Officina Solidale e MondoMangione procedono spediti, pubblichiamo alcune immagini sulla nostra presenza alla NOTTE DEI RICERCATORI 2022.
Nel cartellone erano pubblicati i risultati del progetto SosTe, raffrontando il costo REALE di un piatto di pasta al pomodoro prodotta sia utilizzando prodotti di filiera corta che i prodotti della GDO. E’ stato un pomeriggio molto interessante e anche molto partecipato!

L’ultima foto della galleria invece si riferisce al brindisi che abbiamo fatto per il nostro l’ultimo turno del sabato al MoMaMarket per il progetto #ilconsumatorefabottega.
Un po’ di malinconia ma anche tanto entusiasmo per i nuovi progetti: presto vedrete che autunno denso di appuntamenti stiamo preparando, seguiteci !